La Condivisione

Enrico Mezzogori La filosofia HorseManKind

Condivisione

“Permeare con altri esseri viventi lo stesso spazio con i medesimi diritti stabiliti dalla natura e accettati da chi la vive in modo vero e appropriato.”

Sergio Albertin

La condivisione con il cavallo inizia a svilupparsi attraverso la semplice presenza.


Il tempo trascorso, senza fare null’altro che osservare e stare vicino al cavallo, è il miglior investimento che si possa fare per avere una solida base su cui formare un concreto rapporto uomo-cavallo.
Questi momenti permettono a noi di conoscere meglio abitudini, atteggiamenti e reazioni del cavallo, mentre per lui sono essenziali per farci diventare parte di quella realtà, conosciuta e accettata, appartenente alla sua esistenza quotidiana.

  • Cavallo
    • Conosce il nostro odore.
    • Conosce i nostri atteggiamenti.
    • Conosce la nostra voce.
    • Conosce le nostre reazioni.
    • Ci integra nella sua sfera di conoscenza.
  • Uomo
    • Conosciamo le sue abitudini.
    • Conosciamo le sue reazioni
    • Conosciamo i suoi atteggiamenti.
    • Conosciamo i suoi segnali non verbali.
    • Conosciamo come usa i suoi sensi.

Condividere il tempo e lo spazio stabilisce una comunicazione non verbale che, nel trascorrere dei giorni, solidifica le basi della relazione e offre la motivazione della nascita di un rapporto più profondo.
L’evoluzione della condivisione prosegue in parallelo alla reciprocità attraverso il fare, l’esplorare, il giocare e tutti quei momenti che permettano all’uno di conoscere meglio l’altro, fino ad arrivare al momento in cui la fiducia e la conoscenza reciproca permettono di iniziare una fase di formazione socio-cognitiva.

Condividi questo concetto