La Neutralità

Enrico Mezzogori La filosofia HorseManKind

Neutralità

“L’attenzione rivolta all’insieme e non allo specifico. È l’unione priva di interesse soggettivo che come tale trasmuta l’uno nel tutto.”

Sergio Albertin

Capire il mondo emozionale del cavallo

Con la parola neutralità abbiamo cercato di rappresentare una situazione che in natura è la norma, cioè un mondo emozionale che è strettamente legato al presente e alla realtà. Ogni animale agisce e reagisce coerentemente con quello che sta percependo, ogni sua emozione è scaturita dalla realtà che sta vivendo in quel momento e mediata dalla sua esperienza, ogni suo atteggiamento è la conseguenza diretta di quell’emozione in cui l’eventuale parte cognitiva è focalizzata sul presente. È importante capire il mondo emozionale del cavallo perché il nostro è sostanzialmente diverso. Quello di cui spesso non ci rendiamo conto è che le nostre emozioni nascono e si sviluppano sullo stesso principio biologico di tutti gli animali, ma il nostro concetto di realtà non è lo stesso del loro. La nostra capacità di immaginare, di proiettarci in un futuro ipotetico, di valutare la realtà oggettiva attraverso elaborazioni mentali fa in modo che spesso le nostre emozioni siano apparentemente slegate dalle situazioni. Questo nostro modo di vivere una realtà espansa certamente ci è talmente familiare che non ci rendiamo conto di quanto ci sia difficile riuscire a tenere semplicemente conto delle nostre percezioni e dei nostri sensi. Quando interagiamo con un cavallo dobbiamo sforzarci di ricordare che esiste sempre un motivo oggettivo e reale del suo atteggiamento, del suo timore, della sua curiosità e di ogni espressione emozionale. Nel rapporto tra uomo e cavallo la neutralità emotiva non significa toglierci ogni emozione che possiamo avere nei confronti del nostro compagno, bensì ripulire le nostre emozioni da tutta quella sovrastruttura di desideri, aspettative, paure e proiezioni mentali che normalmente creiamo quasi senza accorgercene. Essere neutrali significa riuscire ad addentrarsi nel mondo emozionale degli animali in modo paritario per riuscire ad interagire e comunicare in un modo più pulito e comprensibile.


Per approfondire il tema delle emozioni negli animali si può partire da Charles Darwin e il suo libro “L’espressione delle emozioni negli uomini e negli animali” fino a letture recenti quali quelle dell’etologo Marc Bekoff “La vita emozionale degli animali”.


– La notte prima di un esame.

– Il primo appuntamento.

Se riflettiamo un attimo sulla nostra capacità di emozionarci pensando ad un appuntamento, a una situazione difficile o ad una piacevole, ci rendiamo conto che molto spesso le nostre emozioni non scaturiscono dalla realtà che stiamo vivendo ma da quella che stiamo immaginando.

Capire come i nostri sentimenti influenzano il rapporto.


Per gli esseri umani raggiungere questa forma di neutralità è molto difficile. I nostri atteggiamenti e le nostre azioni raramente nascono solo dalla realtà che stiamo vivendo, molto più spesso sono il frutto di una miscellanea di emozioni, sentimenti e processi psichici che non hanno le loro radici in un presente reale, ma si formano attraverso una rete di desideri, speranze, paure, scopi, necessità e dubbi che si estendono lungo il passato, il presente e un ipotetico futuro.

Cosa ci aspettiamo dal nostro cavallo? Affetto? Riconoscenza? Obbedienza?

Essere neutrali significa avere la capacità di non crearsi aspettative, di non approcciare il cavallo con umori positivi o negativi che non possono essere compresi e generano solo un atteggiamento diverso da parte nostra. Per questo motivo anche un forte sentimento di affetto o di amore per il proprio cavallo può incidere negativamente nella relazione; ad esempio spesso quando ci approcciamo a lui con questi sentimenti ci si aspetta di essere ricambiati e se questo non succede, o ci sembra che non succeda, proviamo un senso di delusione o di rammarico che non potremo fare a meno di trasmettergli comportandoci diversamente dal solito. Dobbiamo sempre ricordarci di vivere le nostre emozioni per ciò che accade e per la relazione o il rapporto che esiste in quel momento e il cavallo capirà e ricambierà di conseguenza.

Condividi questo concetto