Cavallo con pelo lungo

Tosatura e coperta

HorseManKind Termoregolazione

Spesso abbiamo il dubbio di come comportarci con il nostro cavallo in caso di clima avverso: soffrirà il freddo? Lo dobbiamo mettere nel box? Lo dobbiamo coprire con una coperta?

Questo avviene per un transfert che abbiamo su di lui, a causa della nostra tendenza ad antropomorfizzare. Cosa significa questo? Significa che supponiamo senta freddo, che preferisca stare al coperto e “vestito” perché ci immaginiamo al suo posto, senza considerare che lui è un cavallo e noi degli esseri umani.

In realtà dobbiamo renderci conto che il cavallo in natura vivrebbe all’aperto e senza protezione alcuna. Ci pensa la natura a proteggerlo da temperature troppo rigide, facendo crescere sul suo corpo un manto adeguato, addirittura più o meno folto a seconda del tipo di inverno che si prospetta.

Ciò ci induce a delle considerazioni:


– I CAVALLI NON ANDREBBERO TOSATI

Cavallo con pelo lungoSe desideriamo dare loro una vita più naturale possibile, e se vogliamo considerare il loro benessere prima di tutto, non dovremmo mai tosarli. Tante persone li tosano in considerazione del fatto che, lavorando, sudano molto; avendo il pelo lungo fanno fatica ad asciugare e d’inverno, bagnati di sudore per molto tempo, si ammalano. Ciò è vero, ma non tiene in considerazione il fatto che il cavallo NON ANDREBBE MAI FATTO SUDARE SINO A QUEL PUNTO.
Un lavoro impegnativo esula da ciò che proponiamo con la filosofia HorseManKind. Tale filosofia contempla il permettere che il cavallo viva nella maniera più naturale possibile, e lo svolgere qualsiasi attività con il massimo rispetto del suo equilibrio psico-fisico.


– AL CAVALLO NON SERVE IL BOX PER PROTEGGERSI DAL FREDDO.

Cavalli nella nebbia

Nella foto possiamo notare che i cavalli del nostro branco, pur avendo a disposizione una capannina in cui ripararsi, preferiscono rimanere all’esterno anche in una fredda e nebbiosa giornata invernale.

In natura i cavalli si proteggono dal vento e dalla pioggia mettendosi nel versante sottovento di una collina, o mettendosi vicini, o rifugiandosi in un boschetto, o mettendosi a testa bassa controvento. La natura non fornisce loro quattro mura e un tetto! E’ sufficiente quindi mettere a loro disposizione una capannina aperta, dove possono scegliere se entrare o meno. Scoprirete che verrà utilizzata meno spesso di quanto si possa immaginare.

Attenzione: nel caso in cui il cavallo sia sempre stato abituato a stare in un box, a essere tosato e ad avere una coperta, la transizione tra i due tipi di gestione deve avvenire con accortezza, possibilmente con il consiglio di un veterinario.

Condividi l’articolo sui tuoi social network